Oggi, 21 giugno, è l’onomastico di Gina, la gran madre.

Non che ci sia bisogno di una ricorrenza perché l’allegra comitiva delle “viziose” (si sono firmate proprio così nel bigliettino di auguri, ché noi mai e poi mai ci saremmo permessi di usare siffatto termine per parlare di un manipolo di gaudenti ottantenni) si riunisca attorno a un tavolo per consumare lauti pranzi, colazioni o merende. Fatto sta che con onomastici e compleanni l’occasione si fa ghiotta.

Dunque, la gran madre ha voluto offrire come entrée questa pizza rustica preparata con un ripieno di zucchine, fior di zucchina e piselli.

Per la pasta ha usato 1 kg di farina, 250 g di olio, 3 cucchiaini di sale, 1 cucchiaino di bicarbonato e acqua per impastare.

Per il ripieno ha unito, in una coppa bella capiente, una scamorza tagliata a cubetti, 200 g di ricotta, 200 g di piselli cucinati con olio e cipolla, 1/2 kg di zucchine trifolati con olio, aglio, prezzemolo, un pizzico di sale e uno di pepe e, a metà cottura, vi ha aggiunto una manciata di fiori.

Mi sono distratta un attimo e puff, la pizza rustica non c’era più, spazzolata dalle viziose. Suppongo, quindi, sia venuta buona. Può essere?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>