A zucchini flower is a zucchini flower is a zucchini flower.

E chiacchiere non ce ne vogliono.

A noi piacciono in tutte le salse. Ripieni, fritti, in sformato, a frittata, nelle pizze rustiche o come condimento per le linguine.

Nella familiare Top Five dei cibi dell’estate, i fiori di zucchina campeggiano al secondo posto, proprio dietro le melanzane. E nella personale Top Five delle preparazioni preferite, i fiori di zucchina fritti conquisterebbero indiscussi il primo posto.

A questo punto vi aspettereste di trovare una descrizione di quale e quanta perizia mettiamo nel friggere i su menzionati fiori. E invece è di quelli ripieni che vi vogliamo parlare, perché la Grande Madre, da quest’anno, prepara un intruglio di frutta secca e odori che ci ha lasciato senza parole. Ha preso cioè l’abitudine di aggiungere dei pinoli e della farina di mandorle al ripieno, il che all’inizio, non vi nascondiamo, ci sembrava una trovata inusitata. Abbiamo dovuto ricrederci, cum magnum gaudium delle nostre papille.

Ma andiamo con ordine.

I fiori di zucchina da preparare ripieni devono essere grandi e sani. Grandi per raccogliere più ripieno, sani per abbracciarlo meglio. Via quindi tutti quelli con i petali sbertucciati, finireste per non trovare niente dentro.

Una volta aver scelto i migliori, occorre lavarli con cura: perché sono delicati e perché tra i petali potrebbero nascondersi degli insettini. Posateli su un panno asciutto e nel mentre si asciugano, dedicatevi al ripieno.

In una ciotola sbattete tre uova non molto grandi. Aggiungetevi 3 cucchiai di pan grattato, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, una presa di sale e una di pepe, un cucchiaio abbondante di farina di mandorle, una manciata di pinoli, una grattata di scorza di limone, una zucchina media, tagliata a pezzettini e fatta precedentemente saltare in padella con uno spicchio d’aglio e un filo di olio.

Approntate la teglia. Mettete sul fondo due spicchi di aglio sminuzzati, qualche foglia di basilico, due bei pomodori San Marzano a fettine, pepe e sale.

Ora non resta che riempire i fiori, badando a compattare bene il ripieno e a farvi aderire i petali. Adagiateli nella teglia, spolverateli con del formaggio grattugiato e conditeli con olio extravergine di oliva.

Infornate a 180° per 25/30 minuti.

Les jeux sont faits. Non vi resterà che leccarvi i baffi, o le dita se preferite.

Per il racconto in immagini, seguite il link https://steller.co/s/5y8VeBUS57W

Enjoy!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>