Di pomodori secchi noi siamo ghiotti, ma li abbiamo sempre portati in tavola come antipasto o aperitivo. Al più, li abbiamo usati come spezzafame, in quelle giornate che ti mangeresti un bue ma non hai neanche voglia di metter su la pentola per la pasta. Ne abbiamo sempre fatto, insomma, un uso piuttosto riduttivo.

Anche quest’anno, come abbiamo già raccontato, abbiamo fatto scorte per l’inverno. Tuttavia, presi dal desiderio di provare nuovi accostamenti, abbiamo deciso che era giunto il momento di sperimentare nuove strade.

Vi abbiamo già raccontato qui del nostro incontro con il social food. Siamo andati quindi a riprendere appunti e screenshot e siamo approdati sul blog di Sarah Brunella www.fragolelimone.com, le cui foto su Instagram sono sempre molto, molto accattivanti (andate a sbirciare e ne vedrete di belle).

Quindi, schermo alla mano, abbiamo seguito quasi passo passo la sua ricetta delle linguine con pomodori secchi, mandorle e scorza di limone. Dico quasi, perché abbiamo sostituito le linguine con gli spaghetti integrali, l’origano della ricetta originale con il prezzemolo e abbiamo usato le mandorle appena raccolte, di quelle che hanno ancora il mallo e che per romperle ci vogliono le pietre. Lo sapete vero che abbiamo due alberi di mandorle che resistono strenuamente tra la massa di ulivi?

Dunque, per preparare quattro porzioni abbiamo utilizzato: 450 g di spaghetti integrali, 20 pomodori secchi della grande madre, 100 g di mandorle spellate, il succo e la scorza di un limone bello grande del giardino di un amico, del prezzemolo, 5 cucchiai di pangrattato, olio Infiore, sale e peperoncino.

Si procede in questo modo. Mettete in ammollo i pomodori e nel frattempo fate tostare in padella con un filo d’olio le mandorle tritate grossolanamente, il pangrattato, il sale e una capocchia di peperoncino. Fuori dal fuoco, aggiungetevi la scorza grattugiata del limone e il prezzemolo. Ricordate di tenere da parte qualche mandorla che vi servirà per decorare il piatto.

In una padella più grande, preparate questa salsina con olio, limone e pomodori secchi tagliuzzati. Quando al dente, fatevi saltare gli spaghetti. Se li vedete troppo secchi, aggiungetevi un po’ di acqua di cottura. Condite con il composto di mandorle tritate e pangrattato, rigirate il tutto e impiattate. Decorate con le mandorle tenute da parte e con un po’ di prezzemolo, se vi piace anche a crudo.

Noi vi abbiamo aggiunto anche un filo d’olio a crudo, ma si sa, a noi piace così.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>