Il cardo a casa nostra si fa in brodo.

È il piatto tipico del giorno di Santo Stefano, ché si sa, dopo la grande abbuffata della vigilia e del giorno di Natale, una verdurina a basso contenuto calorico e ad alto effetto di sazietà ci sta.

Questo ortaggio, tuttavia, non incontra le simpatie di tutti in casa Fiore. Amatissimo da Tommaso, tollerato dalla Grande Madre, sgradito ad Angela che, nel brodo del 26 dicembre, finisce per metterci, quindi, sempre qualcos’altro.

Quando ci siamo imbattuti in questa ricetta di La Luna sul Cucchiaio, che invece i cardi li fa gratinati con tanto formaggio e profumati con olio e acciughe, abbiamo pensato che forse avremmo potuto trovare un accordo.

Nella ricetta originale, Monica usa un intingolo di burro e olio. Noi abbiamo usato solo l’olio, che abbiamo aggiunto anche a crudo alla fine, un po’, un giro. Per il resto abbiamo seguito passo passo la sua ricetta.

Per prima cosa, mettetevi comodi, armatevi di pazienza e di un paio di guanti (che serviranno a non farvi annerire le mani) e iniziate a pulire i cardi. Dovete cercare di togliere tutti i filamenti, impresa assai ardua. Fate il meglio che potete. Ve ne servono 600 grammi per 4 persone.

Tagliate le coste in pezzi di 6-8 cm e passateli sotto un getto di acqua fredda. Fateli bollire in acqua salata, per una trentina di minuti e una volta scolati arringateli su una placca da forno. Cospargeteli di Parmigiano Reggiano grattugiato (50 grammi) e fateli gratinare in forno.

Nel mentre, in un padellino, scaldate 4 cucchiai d’olio con 2 foglie di salvia e 2 acciughe. Sistemate i cardi nel piatto e irrorateli con l’intingolo alle acciughe. Il profumo è buonissimo e il sapore lo è altrettanto.

A Tommaso non è parso vero avere un’altra freccia al suo personalissimo arco di ricette veloci (lui i cardi li compra già belli e puliti) e gustose. Angela, per la prima volta, ha mangiato due coste di cardo per intero. Non è tanto, ma come inizio fa ben sperare 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>